Category Archives: Attualità

I giovani e il porno amatoriale: che ne pensano gli under 21?

Published by:

studentesse-porno-amatoriale

Al giorno d’oggi, grazie al web, i giovani vengono a contatto con realtà che, fino a qualche decennio fa, erano riservate esclusivamente agli adulti: un esempio lampante riguarda il porno amatoriale, particolarmente apprezzato anche dagli adolescenti.

I motivi di questa ‘passione’ per le foto e i video porno amatoriali, sono disparati: innanzitutto, c’è la voglia di scoprire se stessi e di entrare in contatto con altre persone, ma non dobbiamo sottovalutare anche la componente dell’esibizionismo, ovvero il desiderio di condividere, anche con sconosciuti, momenti della propria intimità.

I media parlano spesso di questo interesse giovanile per il mondo hard, anche se, nella maggior parte dei casi, si tende a puntare il dito contro i pericoli della rete, specialmente a causa dei recenti avvenimenti di cronaca, che hanno messo in luce il ‘lato oscuro’ della pornografia.

Esporsi in modo totale, senza dubbio, comporta dei rischi, ma per molti ragazzi, anche giovanissimi, è un modo come un altro per scoprire la propria sessualità, giocare con il proprio corpo e la propria immagine, anche con un pizzico di trasgressione.

Che ne pensano i giovani del porno amatoriale? È davvero un fenomeno così diffuso, come vorrebbero farci credere? E, soprattutto: i ragazzi e le ragazze sono realmente consapevoli di ciò che fanno e delle conseguenze, anche legali, delle loro azioni?

Ciò che emerge, da un primo contatto con gli under 21, è la facilità con cui si entra in contatto con questi ambienti, già a partire dalla prima adolescenza: «Ho scoperto il porno amatoriale quando avevo 15 anni – racconta Federico, 20 anni – e da allora lo preferisco ai video e ai film professionali, perché mi sembra più vero, più reale e, per certi versi, più coinvolgente».

Anche Anna, 18 anni, appare piuttosto interessata al mondo delle foto e dei video amatoriali: «A 17 anni avevo già visto tutto quel che c’era da vedere, ero quasi annoiata, anche perché gran parte dei contenuti è piuttosto ripetitiva, poco originale. Il porno amatoriale, invece, ha qualcosa di ‘casalingo’, stimolante, e da quando l’ho scoperto, non guardo più altro».

Naturalmente, c’è una grande differenza tra l’essere semplici spettatori ed il prendere parte allo spettacolo, caricando contenuti intimi personali: «Non so se avrei il coraggio di pubblicare le mie foto e i miei video – commenta Paola, 19 anni – ma non lo escludo. Vorrei che diventasse un gioco da condividere con il mio ragazzo, per accrescere la nostra complicità».

Non manca, poi, chi ha già passato questo confine, e di video amatoriali ne ha condivisi parecchi, come Stefano e Giada, entrambi appena ventenni: «Per noi è sempre stato normale guardare film e scatti porno, era una fonte di ispirazione, così ci siamo detti: perché non entrare nel giro? Certo, bisogna essere attenti e non fidarsi del primo utente: noi, ad esempio, carichiamo soltanto filmati con il viso offuscato, per non incappare in sorprese spiacevoli».

Tuttavia, c’è chi non la pensa così, come Andrea, 19 anni: «Non sono un amante del porno, e non condividerei mai i miei video o quelli della mia fidanzata: certi momenti devono rimanere privati, e sarei molto geloso se scoprissi che la mia partner ha pubblicato filmati o foto hard».

Rocco Siffredi e la delusione di Valentina Nappi

Published by:

rocco-siffredi-valentina-nappi

La venticinquenne pornostar italiana presente alla Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro, dove è stato presentato come evento speciale il cortometraggio pornografico “Queen Kong” di cui è protagonista, parlando di sè, ha raccontato fra l’altro di odiare quello che è stato il suo maestro e per tanto tempo un suo mito. La porno alieva ha detto che dopo aver sentito Rocco Siffredi che, durante una puntata all’Isola dei Famosi, ha rinnegato tutto ciò che ha fatto e anche la libertà sessuale, i suoi rapporti con lui sono finiti per sempre. A suo parere, non doveva permettersi di sputare su una libertà per cui altri hanno lottato col sangue, la libertà che lei ha oggi di fare pornografia e che deve a qualcun altro, ad esempio a un personaggio come Riccardo Schicchi.

Siti Web la nuova forma di business

Published by:

sviluppo-siti-web

Un sito web deve rispecchiare il pensiero di chi lo richiede e deve avere personalità da vendere per far presa su quanti vi accederanno, per semplice curiosità o per poter fruire di servizi di vario genere. Ecco, perché nel momento in cui ci si accinge a creare un nuovo sito, bisogna porsi alcune domande importanti:

  • Quali sono gli obiettivi che il cliente vuole raggiungere?
  • Quale sarà il costo complessivo del progetto?
  • Quali scadenze bisogna rispettare e quali materiali bisogna produrre?

Un sito web consente l’accesso a informazioni specifiche filtrate rispetto alla mole indiscriminata di materiali che troviamo sul web, per cui diventa di fondamentale importanza il modo in cui si rendono disponibili le informazioni, allo scopo di favorire l’interpretazione univoca dei dati inseriti. Anche l’impatto visivo crea un particolare effetto che spesso condiziona e orienta le scelte. Per tutti questi motivi un sito web che si rispetti deve essere non un sito qualsiasi, ma “il sito” che può diventare uno straordinario catalizzatore di attenzione.

Il sito web: fare business in pochi passi

Chi vuole creare siti web intende raggiungere un obiettivo ben preciso, legato spesso all’esigenza di ottenere visibilità, in modo da creare un’ampia rete di relazioni che rappresenta un sicuro trampolino di lancio per quanti intendono creare un’attività che viaggi veloce attraverso la rete. Un sito deve essere ideato in funzione dell’immagine che dovrà avere all’esterno, nel caso in cui si debba sottoporre a re-design un vecchio sito allora, bisogna partire dal passato, individuando le criticità per poter partire con il piede giusto.
Una particolare attenzione dovrà essere dedicata al profilo dei potenziali utenti che visiteranno e fruiranno delle informazioni. Appare indispensabile costruire un profilo degli utenti inserendoli in precise categorie e individuandone il background
A questo punto, il project plan del sito è quasi completo, bisogna solo prevedere le situazioni reali in cui gli utenti potranno fruire delle funzionalità del sito, programmando l’inserimento di materiali non scelti a caso, ma in base alle previsioni che sono già state fatte, foto, storyboard, descrizioni di testo, sono tutti presupposti necessari per fare business con il proprio sit. Non bisogna naturalmente sottovalutare nessuno di questi aspetti e pensare di fare tutto in fai da te a livello amatoriale. La soluzione migliore,se si ha a disposzione un minimo di budget è sempre quella di affidarsi alle mani di una buona web agency della prorpia città!

Quali sono gli obiettivi da raggiungere?

  1. Rendere agevole la consultazione dei dati;
  2. Aumentare il traffico giornaliero di visite, incrementando la visibilità e quindi il posizionamento su google;
  3. Incrementare i guadagni con la pubblicità;
  4. Incrementare le vendite nel caso di un sito e-commerce

Per conseguire questi risultati bisogna rendere il sito dinamico, accessibile, cercando di evitare di dare un’immagine sbagliata, con troppi link e con scarsa usabilità.
Un ultimo dettaglio non meno trascurabile. Il sito deve avere un tono adatto all’obiettivo che si deve raggiungere, serio, formale, informale o brioso.
Naturalmente, non si può pensare di creare un sito e abbandonarlo a sè stesso, nella speranza che si autogestisca, infatti dev’essere costantemente monitorato e aggiornato, per poter dare i risultati sperati.

La ex attrice porno Sasha Grey non dimentica il rocker David Bowie

Published by:

Sasha_Grey

David Bowie è morto e tributi sono stati veloci ad arrivare. È che la sua influenza è stata globale e sarà difficile da cancellare. Sasha Grey ha condiviso sul suo account di Facebook un’immagine in onore di David Bowie, celebre cantante che è morto da poco. In questa foto il volto dell’ex pornostar appare simile a quello dell’icona della musica sulla copertina del suo album ‘Aladdin Sane‘, nel 1973, e che è apparso nelle presentazioni successive.

“Ci sono molte versioni di tutti noi. Questa versione di Bowie è stato il mio primo amore. L’artista, uno dei miei eroi. Condoglianze alla sua famiglia e alle persone care. Riposa in pace, David Bowie “, ha scritto Sasha.
Il rocker David Bowie è morto Domenica a 69 anni, è stato annunciato oggi in una dichiarazione sulla sua pagina Facebook: “10 gennaio, 2016: David Bowie è morto oggi in pace circondato dalla famiglia dopo una coraggiosa lotta contro il cancro nel corso di 18 mesi “.

Il figlio di David Bowie, il regista Duncan Jones, su Twitter, era distrutto nell’affermare che la notizia sulla morte del padre fosse vera. Inoltre ha anche postato sul social una foto di quando era piccolo e suo padre lo portava sulle spalle. Il cantante era sposato con la modella Iman Abdulmayid.
Considerato uno dei più grandi e più influenti musicisti degli ultimi decenni, David Bowie ha pubblicato l’ultimo album, uscito da pochissimo e che adesso sarà considerato come il suo testamento: “Blackstar” è andato in vendita il Venerdì, in coincidenza con il suo 69° compleanno.

Proprio nel nostro ultimo articolo parlavamo di quanto la musica fosse un potente mezzo per veicolare messaggi e di quanto ormai la commistione tra video musicali e porno gratis fosse forte e per spiegare ciò postammo per l’appunto un video musicale di David Bowie.

David_Bowie