Monthly Archives: ottobre 2016

I giovani e il porno amatoriale: che ne pensano gli under 21?

Published by:

studentesse-porno-amatoriale

Al giorno d’oggi, grazie al web, i giovani vengono a contatto con realtà che, fino a qualche decennio fa, erano riservate esclusivamente agli adulti: un esempio lampante riguarda il porno amatoriale, particolarmente apprezzato anche dagli adolescenti.

I motivi di questa ‘passione’ per le foto e i video porno amatoriali, sono disparati: innanzitutto, c’è la voglia di scoprire se stessi e di entrare in contatto con altre persone, ma non dobbiamo sottovalutare anche la componente dell’esibizionismo, ovvero il desiderio di condividere, anche con sconosciuti, momenti della propria intimità.

I media parlano spesso di questo interesse giovanile per il mondo hard, anche se, nella maggior parte dei casi, si tende a puntare il dito contro i pericoli della rete, specialmente a causa dei recenti avvenimenti di cronaca, che hanno messo in luce il ‘lato oscuro’ della pornografia.

Esporsi in modo totale, senza dubbio, comporta dei rischi, ma per molti ragazzi, anche giovanissimi, è un modo come un altro per scoprire la propria sessualità, giocare con il proprio corpo e la propria immagine, anche con un pizzico di trasgressione.

Che ne pensano i giovani del porno amatoriale? È davvero un fenomeno così diffuso, come vorrebbero farci credere? E, soprattutto: i ragazzi e le ragazze sono realmente consapevoli di ciò che fanno e delle conseguenze, anche legali, delle loro azioni?

Ciò che emerge, da un primo contatto con gli under 21, è la facilità con cui si entra in contatto con questi ambienti, già a partire dalla prima adolescenza: «Ho scoperto il porno amatoriale quando avevo 15 anni – racconta Federico, 20 anni – e da allora lo preferisco ai video e ai film professionali, perché mi sembra più vero, più reale e, per certi versi, più coinvolgente».

Anche Anna, 18 anni, appare piuttosto interessata al mondo delle foto e dei video amatoriali: «A 17 anni avevo già visto tutto quel che c’era da vedere, ero quasi annoiata, anche perché gran parte dei contenuti è piuttosto ripetitiva, poco originale. Il porno amatoriale, invece, ha qualcosa di ‘casalingo’, stimolante, e da quando l’ho scoperto, non guardo più altro».

Naturalmente, c’è una grande differenza tra l’essere semplici spettatori ed il prendere parte allo spettacolo, caricando contenuti intimi personali: «Non so se avrei il coraggio di pubblicare le mie foto e i miei video – commenta Paola, 19 anni – ma non lo escludo. Vorrei che diventasse un gioco da condividere con il mio ragazzo, per accrescere la nostra complicità».

Non manca, poi, chi ha già passato questo confine, e di video amatoriali ne ha condivisi parecchi, come Stefano e Giada, entrambi appena ventenni: «Per noi è sempre stato normale guardare film e scatti porno, era una fonte di ispirazione, così ci siamo detti: perché non entrare nel giro? Certo, bisogna essere attenti e non fidarsi del primo utente: noi, ad esempio, carichiamo soltanto filmati con il viso offuscato, per non incappare in sorprese spiacevoli».

Tuttavia, c’è chi non la pensa così, come Andrea, 19 anni: «Non sono un amante del porno, e non condividerei mai i miei video o quelli della mia fidanzata: certi momenti devono rimanere privati, e sarei molto geloso se scoprissi che la mia partner ha pubblicato filmati o foto hard».