Daily Archives: 2 marzo 2016

Omosessualità e mondo dello spettacolo: luci e ombre del coming out

Published by:

Elton-John-e-David-Furnish-papa

Elton John che ha incantato di recente la platea del Festival di Sanremo con la sua voce meravigliosa è stato uno dei coraggiosi del mondo dello spettacolo a dichiarare apertamente la propria omosessualità, facendo coming out diversi anni fa.
Elton John e il suo compagno David Furnish nel 2014 hanno potuto celebrare le loro nozze, grazie alle leggi inglesi che hanno consentito di legalizzare la loro unione. Altri personaggi come George Michael e l’indimenticabile Freddie Mercury rivelarono la loro omosessualità senza alcuna remora in un momento storico ancora profondamente diffidente nei confronti delle unioni gay. I personaggi del mondo dello spettacolo sono sempre sotto gli occhi di tutti e a volte non manifestano apertamente le loro inclinazioni sessuali, per timore di deludere il pubblico. Tiziano Ferro, uno dei cantanti più amati dalle nuove generazioni, ha nascosto per molti anni la sua omosessualità e, prima che lui stesso decidesse di parlare apertamente di questo argomento, molte ragazze andavano letteralmente in delirio durante i suoi concerti. Per fortuna, la bravura di un artista non si misura in base ai suoi orientamenti sessuali e, infatti, il pubblico continua a seguire con lo stesso affetto ed entusiasmo il bravissimo cantante. Secondo alcune indiscrezioni, altri personaggi famosi sarebbero restii a manifestare apertamente la loro omosessualità, ma si sussurrano nomi famosi di attori, attrici e cantanti che, pur di non fare coming out, preferiscono vivere nell’ombra la loro vita sentimentale.
Eppure, molti personaggi brillanti e divertenti hanno fatto della loro omosessualità una sorta di bandiera, anche negli anni Ottanta, quando chi parlava di questi argomenti era guardato con sospetto, l’orgoglio gay si palesò per bocca di personaggi del calibro di Gianni Vattimo, intellettuale e noto filosofo, come non citare, inoltre, Aldo Busi, uno scrittore straordinario, caustico e mordace che pungola, con i suoi scritti una società, per certi versi, bigotta e tendenzialmente poco incline ad accettare la diffusione su così larga scala di un fenomeno in costante ascesa?
Un altro aspetto da rilevare è che, per certi versi, dichiarare la propria omosessualità fa tendenza e, in alcuni casi, contribuisce a rivitalizzare una notorietà, a volte, in declino o a circondare di un alone di morbosa curiosità un astro nascente del panorama cinematografico o musicale. Inoltre essere gay non è più fonte di vegogna in alcun modo, si pensi al porno gay che si sta diffondendo su scala globale.
Non bisogna dimenticare, inoltre, che l’omosessualità che suscita tante polemiche nella nostra società tecnologicamente e culturalmente avanzata, era molto diffusa nel mondo classico, con la differenza che non veniva liquidata come una forma di diversità, ma come una delle tante espressioni della vita di coppia.

I gioielli della Musica

Published by:

mango

La musica è una tavolozza sonora che richiama immagini, ricordi, passioni mai del tutto sopite. Nel panorama musicale italiano è possibile cogliere un originale connubio tra canzoni e metalli preziosi. Chi non ricorda “Oro” la straordinaria canzone del rimpianto Mango che, con il suo successo, segnò la storia della musica italiana? Un meraviglioso intreccio di suoni cadenzati che esaltano l’armonia musicale della bellissima voce del cantante, in un crescendo di vibrazioni sonore che accentuano la sensazione spasmodica di attesa che si prova nel tentativo di soddisfare il proprio desiderio ““Per averti pagherei un milione anche più anche l’ultima Malboro darei perché tu sei compro oro oro oro”. Il fulgore dell’oro cede poi il posto alle lusinghe del diamante che, nella canzone di Mango, diventa il simbolo del desiderio femminile, la pietra più preziosa di fronte alla quale nessuna donna potrebbe resistere. La seconda parte della canzone smorza l’atmosfera magica per lasciare il posto al disinteresse che subentra nel momento stesso in cui l’oggetto del desiderio non appare più lontano e inafferrabile, ma diventa inaspettatamente accessibile.
La stessa malia la ritroviamo nella canzone “Smeraldo” di Tiziano Ferro. L’atmosfera che si respira è quella frizzantina di un amore nel pieno della gioia. Un’inebriante sensazione di allegria che rende assoluto lo spazio e unico il momento che si vive tra “Smeraldo e oceano”. Una melodia ritmata e accattivante e, naturalmente, la voce calda e inconfondibile di Tiziano Ferro che rende ogni brano musicale assolutamente unico, con il suo timbro vocale esaltato dall’armonia degli arpeggi. Musicali.
Come non parlare, a questo punto di un grande esponente della musica italiana che recentemente, però, sembra essersi eclissato dalla scena? Stiamo parlando di Zucchero, l’interprete del blues che con la sua voce graffiante e potente ha affascinato migliaia di platee italiane ed estere. Nel 1989 Zucchero riscosse grande successo con l’album “Oro, incenso e mirra” e tra i pezzi inseriti, c’era una canzone molto particolare, “Diamante”. Una cascata purissima di suoni, parole che rievocano un passato lontano, ma sempre racchiuso nel cuore. “Pioggia sarò e pioggia tu sarai”, ”Impareremo a camminare per mano insieme”, versi di autentica poesia, scaturiti dall’ispirazione magistrale di Francesco de Gregori: “ Nuove distanze
ci riavvicineranno dall’alto di un cielo, Diamante”. Fu proprio il grande De Gregori a scrivere il testo della canzone dedicata alla nonna di Zucchero che si chiamava, appunto, Diamante. Una canzone meravigliosa che ci riporta alla memoria il profumo dei granai, il sapore della pioggia pulita e la freschezza dell’infanzia, l’isola verde della vita.
Tre grandi autori che, con la loro musica, sono riusciti a trasmettere emozioni senza tempo e desiderio di riascoltare pezzi musicali che mantengono inalterata la loro bellezza, a dispetto del trascorrere del tempo.